1° Tappa Blog tour + Give away “Craving” di Jo Rebel (Golem Edizioni)

9788898771349_scalata

Buongiorno serpentelli!

Oggi sono mattiniera, pronta ed esaltata all’idea di una nuova giornata, che inizia con un onore e un piacere: ILW ospita la prima tappa del Blog tour dedicato a Craving, il primo urban fantasy di Jo Rebel e novità della collana Dogma di Golem Edizioni!

Vi avevo già dato un paio di morsi di anticipazioni, ma questa volta si entra nel vivo (o non-morto) della storia…

Da questo momento fino al 10 dicembre, infatti, inizia un viaggio nel mondo dei vamp, nel tempo, nello spazio e nelle passioni… con 5 fermate: la casetta virtuale della sottoscritta, La Bottega dei Libri, Leggere Fantastico, From a Book Lover e Leggere Fantasy.

Ecco il calendario:

 

Calendario BT Craving

Prima di chiudere la valigia, controllare di aver chiuso il gas e dare il via a questa gita oscura e allo stesso tempo brillante, vi ricordo alcune informazioni sul libro:

Titolo: Craving
Autrice: Jo Rebel
Editore: Golem Edizioni
Collana: Dogma
Data di uscita: 12 novembre 2015
Pagine: 360
ISBN: 978-8898771349
Link di acquisto su Amazon

TRAMA

Gregorio e Victoria sono nati fratelli, e il loro legame è divenuto più intenso quando sono rinati come immortali entrando a far parte della stirpe dei Vlasic. Dopo decenni spesi a viaggiare nel mondo, ritornano a Torino, certi di riprendere con la solita routine che mettono in scena per adattarsi al mondo umano. Vic si iscrive all’università e passa molto tempo con se stessa. Greg trascorre le notti fuori, altalenando tra noia e lussuria. La rabbia però inizia a minare la sua volubile esistenza, mentre una creatura misteriosa lo attacca, facendolo sentire, per la prima volta, debole. Costretti a ripercorrere i ricordi dolorosi del passato, si renderanno conto di come le loro vite siano destinate a modificarsi, trovandosi davanti a scelte di primaria importanza. Entreranno in contatto con degli umani, ma se per Greg il rischio sarà quello di ricadere in un errore già commesso, per Vic questo incontro potrebbe rivelarsi fatale. Avranno bisogno di Domiziano, il loro Creatore, dotato di una saggezza antica, e di Federico, migliore amico di Greg e passata storia d’amore, mai del tutto dimenticata, di Vic. Entrambi saranno fondamentali per venire a capo di ciò che sta minacciando l’eternità dei due fratelli. Gregorio e Victoria arriveranno a dover combattere per continuare a esistere e senza volerlo infrangeranno due delle sacre regole degli immortali: mai rivelare al mondo la tua vera natura senza un valido motivo e senza aver prima valutato le conseguenze, mai farsi coinvolgere da un umano.

 

L’AUTRICE

Jo Rebel_autriceJo Rebel è una giornalista italiana specializzata in automotive, di cui ha seguito sia il settore industriale sia quello sportivo, arrivando a lavorare in Formula 1. Si è poi occupata di grandi eventi, tra cui i Giochi Olimpici. Da sempre appassionata lettrice, l’opera della svolta per lei è stata Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen. Si augura che una briciola di Mr. Darcy (carismatico e arrogante, ma al tempo stesso coerente, onesto, incredibilmente sexy e capace di un amore destinato a pochi) possa entrare in ognuno dei suoi personaggi maschili. Adora viaggiare, sia in aereo sia con la fantasia. Vive a Torino con Mya, una dolce gatta tigrata, e non potrebbe mai rinunciare al computer, alle bibite gassate, e alla sua collezione di album dei Bon Jovi. Craving è il suo primo romanzo urban fantasy. La sua pagina ufficiale: https://www.facebook.com/JoRebelAuthor/

Il suo blog: http://jorebelblog.blogspot.it/

 

E ora allacciate le cinture e preparate i canini… Si comincia!

 

RECENSIONE

Il tempo non basta mai: le scadenze ci perseguitano, l’agenda s’infittisce di impegni peggio di una giungla dopo la stagione delle piogge, e non c’è machete (metaforico) che possa darci una mano ad attraversarla o Doctor Who che ci insegni a regalare una taglia o due alle nostre giornate.

Alba e tramonto si sovrappongono, tanto quanto le bollette, l’appuntamento dal dentista, i libri da masticare e ruminare, il compleanno del cugino di secondo grado dello zio acquisito. Inevitabilmente, si finisce col mandare un sms di auguri (alla persona sbagliata) mentre si è in coda per una raccomandata, imparare i rudimenti del franco-provenzale in quattro giorni scarsi e mangiare una fetta di torta tra una riunione e una conta di piastrine e trigliceridi… Trascurando, altrettanto inevitabilmente (e dannazione!), mille altre cose.

E il tempo è relativo – si allunga e si tende come Mr. Fantastic quando sei in attesa del risultato del suddetto esame di letteratura provenzale, salvo poi tornare indietro e colpirti in fronte.

Ma cosa succede quando il tempo a tua disposizione non ha la data di scadenza, a differenza dello yogurt ai lamponi che sta prendendo vita in frigo?

Puoi prendere esempio e Victoria dedicarti allo studio, accumulare lauree su lauree alla faccia di Pico De Paperis e non rischiare nemmeno di andare fuori corso, perché il tuo cervello è più scattante di una Ferrari da corsa. Oppure, emulando Gregorio, maestro eccezionale, puoi gozzovigliare nella libertà più sfrenata e passare le notti in compagnia di Bacco, Tabacco e Venere – per non dire plasma, emoglobina e… Venere, sì, lei rimane – ed eliminare per magia occhiaie ed emicranie post-sballo dalla lista delle tue conoscenze.

I rischi? Entrare in contatto con i compagni di corso, magari trovare degli amici, concedersi una cotta, stuzzicare un fantasma del passato che non vuole proprio saperne di dormire.

Non vi sembrano problemi così insormontabili? Oh, sì che lo sono… se sei un vampiro e il tuo vicino di banco (o la provocante cameriera che ti sta servendo un Negroni) ha lo stesso appeal di un canapè caldo cucinato da uno chef pluristellato.

Jo Rebel, autrice di Craving (Golem Edizioni, collana Dogma), ci regala il primo capitolo di una saga che riconsidera i punti di vista: nessun adolescente in love with il figo scintillante di turno, né languide belve assetate di sangue e violino-e-merletti-dipendenti, ma un fratello e una sorella, ventenni per sempre e legati in vita e nell’immortalità, alle prese con problemi “normali”… di dimensioni spropositate e proiettati all’infinito.

Nessun conflitto interiore, rimorso o rimpianti, solo (e vi pare poco?) due vamp e la loro non-morte quotidiana.

Il focus è sul rapporto familiare, sul legame di sangue, gli affetti e le anime che si chiamano e si cercano, solcando i marosi dei secoli, dei tabù e della vendetta… E sottolineo l’espressione “legame di sangue”, perché la scrittrice affronta a tal proposito un tema finora mai trattato, e lo fa con uno stile fresco e accattivante, giovanile e musicale (seguite le prossime tappe per… ascoltarne di più su questo punto).

Rapporti, sintonie respinte eppure palpabili, nodi, fili invisibili e resistenti… Perché la vita eterna, a volte, può essere una gran rottura, ma, in compagnia di un fratello o di uno spirito affine, ha un certo non so che.

 

APPROFONDIMENTO: GLI EX

Alzi la mano chi ha avuto almeno un ex.

Bando alla timidezza, questa preposizione latina, indipendentemente da quali siano i nostri rapporti con l’ablativo e la sintassi dei restanti casi, ci perseguita in tutte le sue forme e declinazioni: ex compagni di classe riapparsi per miracolo (?) sui social network con un bagaglio di buoni propositi (la cena con i compagni d’asilo, comunque, è ancora in sospeso), ex capi collerici che, anziché un aumento, ci hanno fatto trovare in busta mal di stomaco e rospi giganti da ingoiare, ex amici con un kriss ben nascosto tra le spire di una sciarpa firmata, ex vicini di casa – con tanto di ex compilation neomelodica della domenica mattina – di cui non sentiremo mai la mancanza.

E poi ci sono loro, gli EX, quelli a cui non è necessario posporre un sostantivo, gli ex e basta.

Fidanzati pseudo tali o effettivi, compagni, mariti, best friends sconfinanti, frequentazioni ambigue, personificazioni di battiti di cuore e rimescolii d’istinti che poi il muscolo cardiaco te lo strappano, e il fiume ormonale te lo arginano e prosciugano per costruire un nuovo centro commerciale in mezzo al nulla.

Amori passati, per dirla in due parole. Più passati – e spettrali – dello Spirito del Natale passato.

Eppure la faccenda non è così semplice e, come ci insegnano libri e film a iosa, anche in questo settore le varietà si sprecano: esistono ex che noi abbiamo ferito, ex in quattro e quattr’otto – fatto-misfatto-rottura –, ex tentennanti sulla porta e che ti scambiano per un equilibrista, ex a posteriori, che superano Copperfield nell’arte della sparizione – il trucco c’è, ma tu lo vedi… molto dopo. E poi ci sono quegli ex che diventano ex piano piano, i cui contorni sfumano giorno dopo giorno, senza che nessuno se ne accorga, ma in modo inesorabile, e le foto dell’ultima vacanza sembrano reperti da museo, e gli ideali e le promesse solo i sogni di due bimbi adesso sperduti. E non è che così faccia meno male.

Gli ex segnano, ci sono nella loro assenza. E come si scaccia un fantasma? A questo, Dickens non ci ha preparato.

Personalmente, ho sempre adottato il “Metodo Cartagine”, senza premeditazione, peraltro: fine di un amore e giù di sale sui ricordi, dalle fondamenta all’ultima tegola dell’edificio più alto. Qui si parla di desertificazione, di lande iodate in cui non potrà crescere più nulla, nemmeno un bigliettino di auguri alle feste comandate, di uno spazio vuoto di cui non si conserva memoria né esperienza. Un atteggiamento che non consiglio. Anzi, stampate una mia foto – una carina, magari – e attaccatela con una puntina alla bacheca della Posta del Cuore con la scritta “Non fate come lei”.

Non conosco un modo rapido, legale, indolore e costruttivo per liberarsi di una storia finita, forse procurarsi un quaderno ad anelli, un paio di buste a foratura universale e archiviare con metodo e pazienza; oppure tentare di perdere di vista quel viso – una volta così riconoscibile e staccato dallo sfondo – in mezzo alla folla (ed ecco che la miopia rivela la sua utilità).

Se però sei una vampira, proprio come il tuo ex, e la storia delle corone d’aglio si rivela una balla colossale, è un bel problema. E Vic ne sa qualcosa: Federico (il migliore amico di Greg, per giunta!) è difficile da riporre in armadio o da seminare, e non soltanto perché è indubbiamente attraente, con i suoi occhi grigio-azzurri… Ma perché è immortale, ergo ha una prospettiva di non-vita piuttosto lunga, si muove con rapidità, è dotato di sensi molto sviluppati (quindi passare sette anni in Tibet non ha senso, lui ti troverà), possiede pazienza e tempo da vendere, affittare, elargire e mettere all’asta… E non ha alcuna intenzione di lasciarsi dimenticare.

Penso che quei due, Victoria e Federico, non ci stiano dicendo proprio tutto, ma anzi, abbiano ancora molto – ma molto – da raccontare.

Per ché gli ex, umani o vamp che siano, si comportano come certe creature di Stephen King: a volte ritornano.

 

P.S. A proposito di ritorni e non detti… In anteprima assoluta condivido con voi un piccolo assaggio del secondo libro della saga (grazie Jo!): “ […] arrivò il mio compleanno e, come era prevedibile, il mio uomo si dimostrò fedele alla promessa. Una sera rientrai a casa e vicino a lui trovai il regalo tanto atteso, quello che, secondo il suo particolare modo di vedere le cose, avrebbe dovuto rendere migliore la nostra esistenza. Fu in quel momento esatto che quello che credevo essere un mondo perfetto si frantumò in un milione di pezzi, insieme al mio cuore silenzioso”.

Tutto da mordere, eh? 😉

 

LE REGOLE DEL BLOG TOUR

– Seguire i blog che partecipano al Blog tour
– Mettere “mi piace” alle pagine Facebook di Golem Edizioni e dell’autrice
– Commentare tutte le tappe
– Condividere l’evento su Facebook
– Condividere le tappe del BT su Twitter taggando @CaselliGolem e @ITJoRebel e usando l’hashtag #Craving

 

IL PREMIO

Una copia cartacea del romanzo autografata da Jo Rebel!

 

Leggete, commentate, condividete e… #StayVampire!

Annunci

17 thoughts on “1° Tappa Blog tour + Give away “Craving” di Jo Rebel (Golem Edizioni)

  1. Ciao! Innanzitutto vorrei scusarmi per aver commentato questo splendido blog tour così in ritardo! Stavo seguendo tutte le tappe tramite Facebook ma non avevo ancora commentato! Spero di essere in tempo, in caso contrario è stato davvero un piacere leggere gli estratti, l’intervista e addirittura ascoltare la playlist!!
    Appena ho visto la copertina di questo libro, me ne sono innamorata!! E’ davvero troppo bella! E la trama mi incuriosisce moltissimo!! Poi è scritto da un’autrice italiana e questo fatto mi rende davvero orgogliosa di essere anch’io italiana!! Grazie mille per questa splendida opportunità!

    Liked by 1 persona

    • Ciao! Non devi scusarti di nulla, la quinta e ultima tappa è uscita oggi ^^ Sono contenta che questo viaggio ti sia piaciuto e che il libro ti ispiri: la copertina è fantastica e il contenuto… semplicemente super! Trama originale e grintosa, una bella novità per il genere urban fantasy italiano. Grazie a te per la tua partecipazione e in bocca al lupo (o al vamp)! 😉

      Mi piace

  2. Ciao! Finalmente dopo quasi un anno di assenza sono ritornata al mio blog (In the Plot), e tra un mi piace e l’altro trovo anche il tuo… ci clicco ed eccomi qui, la prima tappa del Blog Tour di Craving, un romanzo a cui io ho lavorato!! E avevo anche già letto la tua recensione in effetti, molto bella!! Piacere di conoscerti via web!!

    Liked by 1 persona

  3. Bellissima tappa davvero!!! Complimenti!! Il libro sembra interessante! E che dire dell’approfondimento…io personalmente approvo il “metodo Cartagine”!!! 😉

    Liked by 1 persona

    • Grazie a te per la partecipazione! La trama e lo stile di questo romanzo sono proprio originali, decisamente innovativi! Spero che questo viaggio vampiresco ti piaccia!! ^^

      Mi piace

I commenti sono chiusi.