Prosit! “Dai un morso a chi vuoi tu” #6 – Tra le righe: editore, editor e promozione!

Cari serpentelli,

rieccomi nel mio rifugio di pixel dopo un’altra lunga assenza. Tutto mi sembra al proprio posto, gli articoli, le categorie, le immagini sono lì dove li avevo lasciati, e il fiume di informazioni, dei bei post e dei tag divertenti che ritrovo negli altri blog per fortuna continua a scorrere e mi regala spunti e sorrisi… Ma quanto mi è mancato essere un flutto – piccolo e incostante – tra le onde!

Cerchiamo di rimediare, di riprendere familiarità con i tasti, e concludiamo il nostro saporito viaggio nell’antologia Dai un morso a chi vuoi tu. Storie d’amore per appetiti formidabili edita da Booksalad.

Se per fare un albero ci vuole un fiore (e per fare la pasta al forno migliore del mondo ci vuole la mia nonna), per creare un libro non bastano le idee, le trame, i paragrafi, le pagine scritte, ma è necessario un esercito, o meglio, un’intera cucina: una batteria di pentole inossidabili, di piani di lavoro che sostengano parole come macigni e paté d’animo, di strumenti preziosi e lucenti che non temano di mescolare e amalgamare anche quando la zuppa sobbolle a temperature altissime, di sommelier e maître che testino, degustino e accompagnino con cura ed esperienza.

Noi nove autrici siamo state fortunate: una squadra eccellente ci ha assistito in ogni fase della ricetta letteraria, dagli ingredienti al procedimento e alla presentazione, trovando la cottura più adatta a ogni nostro piatto. Per questo l’ultima puntata è dedicata a loro, a Booksalad, a Editor Romanzi e a Bennici & Sirianni.

Grazie quindi a Livio Sassolini, il nostro editore, che Monica Coppola ha buttato giù dal letto “all’alba prima che la caffettiera gorgogliasse tre volte” a squilli di cellulare per proporgli l’idea di questa raccolta… Idea che lui ha deciso di realizzare, scommettendo su un progetto coraggioso in un periodo non certo semplice per il mondo editoriale.

E grazie mille alla nostra editor Stefania Crepaldi e alle agenti (nonché ufficio stampa) Michela Bennici e Lidia Sirianni per la competenza, la professionalità, la passione e l’infinita pazienza…

Stefania CrepaldiStefania, editor e correttrice di bozze freelance, svolge attività di revisione e consulenza per scrittori di romanzi e case editrici. Crede nella progettazione e nel far risaltare lo stile unico che ogni scrittore possiede. Fin da piccola sviluppa una letale dipendenza per i libri e la lettura. Laureatasi con il massimo dei voti alla Facoltà di Lettere dell’Università di Pisa, inizia a lavorare nel mondo editoriale. Nel 2013 crea il sito web www.editorromanzi.it e nel 2016 apre il blog di Editor Romanzi (www.editorromanzi.it/blog), dove fornisce consigli approfondimenti e guide gratuite per gli scrittori di romanzi.
La trovate anche su Facebook: www.facebook.com/EditorRomanzi

Michela BenniciLidia SirianniL’agenzia di Michela e Lidia nasce a Roma e rappresenta autori italiani e stranieri sul territorio estero e nazionale, aiutandoli a gestire la loro attività a 360 gradi con professionalità e dinamismo. Michela ha una lunga esperienza editoriale e di ufficio stampa, cura la comunicazione per autori l’organizzazione di festival letterari e iniziative culturali; Lidia, autrice di saggi, racconti e recensioni, è docente di corsi editoriali e si occupa di scouting e diritti esteri.
Il loro sito è http://www.agenzia-letteraria.it

A voi la parola, ragazze!

Stefania, com’è stato confrontarti con nove racconti e nove scritture differenti, legati dal doppio filo dell’amore e del cibo? Hai notato somiglianze, affinità?
Premetto che ho un debole per le storie che hanno come protagonisti l’amore e il cibo. Questo è uno dei motivi che mi hanno spinto ad accettare l’editing dell’antologia. L’altro motivo è che conosco Monica Coppola, apprezzo il suo stile e la sua scrittura, quindi quando mi ha parlato del progetto sono salita a bordo.
Avere a che fare con nove autrici con idee e stili diversi cercando di rispettare la direzione della linea editoriale è stato più semplice del previsto. È bastata una buona progettazione per garantire a tutti i racconti la giusta collocazione.
Quello che mi ha colpito di più è che ogni scrittrice aveva già una sua voce.
L’editor ha il compito di far risaltare al meglio lo stile degli scrittori, senza pregiudizi o limiti di alcun tipo.
Lavorare con voi scrittrici è stato facile, perché tutte avete accolto con entusiasmo e positività le mie osservazioni e i consigli. Abbiamo corretto e limato insieme alcuni passaggi, aggiungendone altri per dare vita a dettagli immaginifici che l’odore o la visione del cibo sprigiona sempre.
Voci diverse, scritture diverse e un’unica grande affinità: la voglia di migliorare come scrittrici e dare vita ad un prodotto bello da vedere, gustoso e inebriante; una raccolta di racconti da portare sotto l’ombrellone, che saprà consigliare una strategia di seduzione o la ricetta perfetta per il primo appuntamento.

Michela e Lidia, come si può valorizzare e promuovere un progetto che raccoglie così tante voci e storie?
Le voci di Dai un morso a chi vuoi tu sono molte, così come molte sono le persone che hanno collaborato per la realizzazione del libro (dall’editore, alla grafica, passando per i contributi per la prefazione e la quarta di copertina). Sono però legate tutte da un filo rosso, che è la voglia di portare avanti un progetto con passione, impegno, ma anche con tanta simpatia e leggerezza (da non confondere con la superficialità!). Il lavoro dell’agenzia Bennici & Sirianni in fase di promozione è stato pertanto semplice, perché ogni autrice ha saputo dare il proprio contributo, arricchendo il volume di tante sfumature diverse senza mai perdere di vista l’obiettivo comune.

Prosit

E grazie a tutti voi per averci seguito in queste sei tappe!
Un buon libro è il risultato di tante penne, cuori e menti: noi ce l’abbiamo messa tutta e speriamo che i nostri racconti vi facciano sorridere, magari sognare e, perché no?, venir voglia di scoprire, tentare, sperimentare, gustare… in cucina e non solo! 😉

 

Annunci