Legami immaginari e vere astuzie: “La signora Thomson” di Valeria Dainese (Gemini Grafica Editrice)

Buonasera serpentelli,
questa notte ho il piacere di parlarvi di un libro che con abili tocchi ci porta nell’Inghilterra fumosa, capace di cieli nuvolosi e di esplosioni di colore, tra sospetti e navigazioni, dicerie e risate bambine, lezioni di francese e uomini ideali…
Curiosi? Incominciamo! 😉

vivienne_copertina_definitiva_200

Qualcuno si manda fiori e poesie, inventando uno spasimante segreto per ingelosire o autoravvivarsi il lunedì mattina; qualcun altro tiene vivo un ricordo, idealizza un’ombra e le attribuisce una forma tanto apparente quanto ingombrante per paura del futuro e delle nuove scottature che potrebbe portare con sé; un altro ancora assume a tempo determinato, anzi, con un contratto a progetto, un partner per finta al fine di accalappiare il biondino simil-Backstreet Boys di turno – ma questa è la trama di Drive me crazy, commedia romantica che personalmente e quasi inspiegabilmente adoro, ma non è questo il momento di parlarne.

Vivienne Claudell, protagonista de La signora Thomson di Valeria Dainese (Gemini Grafica Editrice), no. O meglio, compie un passo in più: si fa realizzare una fede nuziale. Ma chi è Albert Thomson, il cui nome è impresso sulla vera?

Continua a leggere

Annunci

“La Gatta e i diamanti” di Andrea Monticone (Golem Edizioni): intervista-anteprima… alla Gatta!

La mia passione per i gatti – paragonabile solo a quella per i biscotti e le torte – è ormai notoria.
Di certo non mi sarei mai aspettata che – oltre a nutrirli con salmone e frutti di mare di prima scelta, venerarli ed esaudire i loro desideri e capricci (ricevendo in cambio sguardi di sufficienza, tatuaggi indelebili sui polsi e sulla schiena e una crescita esponenziale di richieste assurde) – un giorno mi sarei trovata a intervistarne uno. Ma non si finisce mai di stupirsi ed è questo il bello di tutte le 9 vite… e del mio lunedì!
E non stiamo parlando di un esponente del mondo felino qualunque, bensì della Gatta, seducente ed enigmatico personaggio del nuovo romanzo di Andrea Monticone.

Prima di iniziare il faccia a vibrisse (?) con la bella ladra internazionale, ecco qualche dettaglio sul libro:

La Gatta e i diamanti_coperta_2

Altri passi, stavolta frettolosi, dal corridoio. Sodano corre ed esce dal laboratorio. Un’ombra in fondo, sta passando davanti al suo ufficio e la luce la illumina brevemente. Una figura agile vestita di nero. Sembra una tuta da motociclista. Sodano corre, continuando a urlare alla figura misteriosa di fermarsi. In un altro corridoio ce l’ha davanti in linea retta, pochi metri. Più in là c’è solo un’uscita di sicurezza. Deve fermare lo sconosciuto, quasi certamente ha preso il diamante. Ma come ha fatto, si chiede Sodano continuando a correre. Maledicendosi per non avere preso con sé la pistola dal cassetto della scrivania.

 

INFORMAZIONI

Titolo: La Gatta e i diamanti
Autore: Andrea Monticone
Editore: Golem Edizioni
Collana: Le Vespe
Numero di pagine: 272
ISBN: 978-88-98771-39-4
Link di acquisto su Amazon

Continua a leggere

Cocktail di cuori… e poker di pulizia! Il nuovo romanzo di Chiara Santoianni (edizioniCentoAutori)

cocktail-di-cuori-350x534È possibile che abbia omesso di dirlo – per quel briciolo di reticenza che mi è rimasto, pura dimenticanza o perché quanto sto per dichiarare era già intuibile dai tempi delle pitture rupestri – ma io sono una frana nelle faccende domestiche. Eccezion fatta per cucinare e fare la spesa (azione che spesso si traduce in “fare spese”, ergo shopping allo stato brado e non a rischio di estinzione), le restanti incombenze sono uno scoglio contro il quale io, sirenetta ben poco aggraziata ed esperta (altra confessione: vado a fondo anche nel box doccia), cozzo senza rimedio, infliggendo tormenti a me stessa e agli altri.

E quindi accumulo. Accumulo panni da stirare in una pila più alta dell’Empire State Building, su cui King Kong si arrampicherebbe volentieri; accumulo piatti da lavare in equilibrio precario; accumulo pezzetti di carta, ciapapuer e gingilli che non incrocerò mai più in questa esistenza e nelle prossime sette.

Accumulo, sì. Poi penso alla Strega dei Rifiuti di Labyrinth, mi inquieto, tiro su le maniche della tuta di ciniglia e… scatta la fase del riordino estremo! Lo scimmione e la biondina vengono caldamente invitati a scendere dalla catasta di camicie e canottierine della salute, le stoviglie si allineano in tutta fretta nel lavandino in un’incrostata versione 3D di Tetris e lo scontrino di una memorabile gita al supermarket sotto casa del 1996, la Bic scarica e la brochure di quel festival estivo di musica folk (a cui non ho nemmeno partecipato) comprendono di essere fuorimodafuoripostoinsommasemprefuoridai e che è ora di sapere cosa c’è dall’altra parte… del cestino dell’indifferenziata.

“Perché, se non si fa spazio, nulla di nuovo può entrare”. È questo il mantra di Cocktail di cuori di Chiara Santoianni, pubblicato da edizioniCentoAutori nella nuova collana “A cuor leggero” dedicata alla chick lit.

Continua a leggere